La Fondazione Culturale Niels Stensen di Firenze è nata nel 1959 e svolge da sempre un importante e riconosciuto ruolo nel dibattito culturale cittadino. Si propone di favorire la ricerca e l’etica del confronto proiettando film d’essai e organizzando percorsi formativi, convegni, cineforum, corsi e laboratori. L’offerta culturale si declina in diversi linguaggi (principalmente cinema e conferenze, ma anche letture, musica, teatro e arte) ed è coordinata da un team di organizzazione e comunicazione. 

____________________________

La Fondazione

Riconosciuta con decreto del Presidente della Repubblica n. 231 il 3 marzo 1959, la Fondazione è gestita dai Padri Gesuiti ed è stata inaugurata il 1 novembre 1964. Lo Statuto vigente è quello approvato il 24 febbraio 2009 dalla Prefettura di Firenze. Fin dal suo sorgere, ha svolto un importante e riconosciuto ruolo nel dibattito culturale cittadino. Ispirandosi al metodo di Niccolò Stenone (ricerca scientifica e mediazione politico-culturale), si propone di favorire la ricerca e il confronto tra le diverse culture, con iniziative atte a promuovere il dialogo interculturale, interreligioso e l’etica del confronto, attraverso gruppi di ricerca, percorsi formativi, convegni, cinema e molte altre attività culturali. Dal 2001 la Fondazione Stensen si è completamente rinnovata: nuovo presidente, nuovo staff e soprattutto nuovi progetti. Si sono costituiti diversi gruppi con svariati interessi, promotori di una rinnovata “ricerca e politica culturale”. Nel 2012 la sezione cinematografica della Fondazione ha affrontato il grande cambiamento della digitalizzazione del teatro, creando una nuova offerta per il pubblico fiorentino. Siamo infatti diventati un cinema a tutti gli effetti, proiettando 7 giorni su 7 film d’essai in prima visione in una sala da 218 posti. La nostra è una multiprogrammazione, con orari che cambiano ogni giorno, spesso corredati da introduzioni, ospiti, iniziative a tema, oltre ai corsi di cinema il lunedì e il martedì sera. Lo staff seleziona attentamente film di qualità innovativi, principalmente europei, partecipando e festival e fiere di settore. Nel 2015 gli spazi sono stati ristrutturati, con l’apertura della nuova caffetteria e libreria. Nel 2018 la sala è stata completamente rinnovata con nuove sedute, schermo e luci.

___________________________

Niels Stensen

La Fondazione prende il nome da Niels Stensen, scienziato danese del Seicento. Niels Stensen arrivò per la prima volta in Toscana nel 1666, ospite di Ferdinando II de’ Medici, ottenendo la carica di anatomista all’ospedale di Santa Maria Nuova. Dalle sue osservazioni sulla struttura del paesaggio toscano nacque il trattato De solido intra solidum, pietra miliare della geologia moderna. Nel 1988 Giovanni Paolo II lo ha proclamato beato, in ragione del suo «instancabile pellegrinare alla ricerca della verità, di quella scientifica e di quella religiosa». La sua salma è custodita nella Basilica di San Lorenzo, in un sarcofago tardo-romano su cui è usanza che i turisti e i fedeli lascino dei bigliettini per chiedere delle grazie.

________________________

Organigramma

Presidente: P. Ennio Brovedani sj.
Direttore: Michele Crocchiola.
Consiglieri: Luigi Bongiovanni, Federico Laudisa, Alessandro Marconi, Jacopo Storni, Paolo Vezzoni, Alfredo Zuppiroli.
Revisore dei conti: Marco Seracini.
Amministrazione e segreteria: Nadia Alpi.
Responsabile cinema: Michele Crocchiola.
Comunicazione e promozione: Marica Romolini.
Ufficio stampa: Jacopo Storni.
Logistica: Andrea Campinoti.
Manutenzione: Cesare Ottaviano.
Cassieri: Giacomo Grossi, Cesare Ottaviano, Giulia Seracini.
Proiezionisti: Nicola Bina, Alessandro Bocciero, Serena Di Pietro, Giacomo Grossi.
Collaboratori: Chiara Bettarini, Irene Lucchesi, Carlo Pellegrini, Dafne Vassetti.